grassi vetrate

Vai ai contenuti

Menu principale:


La storia della Grassi Vetrate Artistiche inizia alla fine del 1800. Dopo le  due guerre mondiali a Bottega Grassi lavora, cresce e si sviluppa. Arriva il 1946  l’azienda riprende le attività con alla guida Florindo Grassi. Sarà così fino al 1957 quando il Maestro Alessandro Grassi, attuale responsabile, affiancherà papà Florindo nella conduzione di questa meravigliosa avventura Artigiana che prosegue attualmente con l'ausilio della figlia Barbara e del genero Antonello.

Nell’arco degli anni la Grassi Vetrate Artistiche di Milano collabora con i maggiori architetti e artisti italiani e stranieri tra i quali: Caccia Dominioni, Capogrossi, E. Castiglioni, Fiume, Niemeyer, Pomodoro, Sassu, Sottsass jr., Spreafico, Usellini, Veronesi, Zanaboni.

Entrando nella Bottega Grassi si avverte una presenza magica. Tutt’intorno, tra gli artigiani chini a lavorare il vetro, un’armonia straordinaria di forme e colori. Ai visitatori del suo laboratorio il Maestro trasmette tutta la sua passione. Nella descrizione accurata dei lavori, nel racconto degli impegni professionali, nell’attenzione verso i temi educativi e sociali; dopo anni di lavoro non vi è traccia di stanchezza, di una qualche forma di delusione. E’ solo in questa miscela straordinaria di passione per il proprio lavoro e per l’arte del vetro che si può comprendere la relazione che lega Alessandro Grassi all’impresa di famiglia. La Grassi Vetrate Artistiche, oggi come quasi un secolo fa, realizza le vetrate seguendo sempre la stessa tecnica; l’antica tradizione vetraria francese. Vetri colorati in pasta di primissima qualità, legati a piombo, saldati a stagno, dipinti a grisaille e messi in cottura a gran fuoco per una durata illimitata nel tempo.


Torna ai contenuti | Torna al menu